Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

25/09/2007
Alessandria, Mariangela Melato il 16 e 17 ottobre al teatro comunale.

Una canzone, un balletto, tutto lo spettacolo e' un susseguirsi di periodi ricreati a tempo di musica, gli anni '20, gli anni '30, gli anni '80, e lei li' che ad ogni periodo sfoggia un ruolo, il gangster, l'attrice insicura dell'inizio di carriera, la star affermata, la Melato, l'attrice drammatca. Stili teatrali diversi, personalita' diverse, musiche diverse, in questo vorticoso cambiamento non ci si perde, anzi lei usa con maestria quei suoi piccoli frammenti di vita per ricreare un poco la nostra storia, le nostre paure, le nostre debolezze di uomo e di donna.
Le luci a volte sono ferme e immbobili su di lei, a volte sono caledoiscopiche, sugli ovali dietro la scena vengono proiettate le immagini dell'orchestra virtuale che accompagna lo spettacolo, ma a volte i due ovali ai lati ruotano e da schermo di proiezione si trasformano in specchi che ripropongono la scena che si vive in quel momento sul palco.

Sola me ne vo, al teatro comunale di Alessandria il 16 e 17 ottobre 2007.

Mariangela Melato, autentica signora del palcoscenico, oltre che attrice cinematografica di fama mondiale, domina da anni la scena italiana, interprete prediletta di Ronconi e altri grandi maestri. Il suo prossimo impegno sarà la novità assoluta Sola me ne vo ... , una coproduzione Ballandi Entertainment- Teatro Stabile di Genova. A dirigerla Giampiero Solari, noto al pubblico televisivo per la regia degli spettacoli di Fiorello e Panariello, e al contempo valido metteur en scene , chiamato nel 1998 all'incarico di direttore artistico del Teatro Stabile marchigiano. Due artisti, due percorsi.

Mariangela Melato studia prima pittura all'Accademia di Brera e, per pagarsi i corsi di recitazione, disegna manifesti e lavora come vetrinista per la Rinascente. In teatro si mette in mostra recitando con Dario Fo ( Settimo non rubare ), Luchino Visconti ( La monaca di Monza ) e Luca Ronconi ( Orlando furioso ).
Nel cinema, si fa notare all'inizio degli anni Settanta: maestrina in Per grazia ricevuta di Nino Manfredi , parrucchiera ne La classe operaia va in paradiso di Elio Petri , giornalista ne La polizia ringrazia di Stefano Vanzina, ottiene il successo nella parte dell'amante milanese di Giancarlo Giannini in Mimì metallurgico ferito nell'onore di Lina Wertmüller .
Quest'ultima riproporrà la coppia d'attori in Storia d'amore e d'anarchia e Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto : prostituta di fede anarchica nel primo, signora ricca e razzista nel secondo, la Melato rivela doti straordinarie di interprete.

Nella seconda metà degli anni Settanta è diretta da cineasti del valore di Fernando Arrabal ( L'albero di Guernica ), Elio Petri ( Todo modo ), Franco Citti ( Casotto ), Luigi Comencini ( Il gatto ), Franco Brusati ( Dimenticare Venezia ), ma la sua prova più intensa è, forse, quella fornita in Caro Michele (1976, dal romanzo di Natalia Ginzburg) di Mario Monicelli , nei panni dell'atipica ex-compagna del protagonista, in costante movimento lungo la penisola col figlioletto nella carrozzina.

Negli anni Ottanta lavora con Giuseppe Bertolucci ( Oggetti smarriti ), Pupi Avati ( Aiutami a sognare ). Dopo una parentesi internazionale (in Flash Gordon di Mike Hodges e Jeans dagli occhi rosa di Andrew Bergman), torna in Italia dove si muove tra commedie ( Domani si balla di Maurizio Nichetti) e pellicole drammatiche ( Il buon soldato di Franco Brusati). Dopo aver reso esemplarmente una figura di magistrato in Segreti segreti (1985) di Bertolucci, dirada le apparizioni in celluloide, dedicandosi di preferenza al teatro. Della propria generazione è certo l'attrice più talentosa e versatile, a suo agio in qualunque registro, dotata d'una superlativa tecnica che mai ne inficia la spontaneità.

Giampiero Solari, è nato a Lima in Perù nel 1957da genitori italiani. Da 30 anni in Italia, è stato il più giovane insegnante della Scuola “Paolo Grassi” del Piccolo di Milano, chiamato a collaborare subito dopo il diploma in regia. Lo contraddistingue la poliedricità , si divide infatti tra teatro e televisione, mietendo successi in un versante e nell'altro, collaborando con i più importanti artisti del panorama italiano di spettacolo dal vivo .
Ha lavorato, sia in tv che a teatro, con personaggi come Paolo Rossi e Antonio Albanese , che con lui hanno creato e messo in scena i loro grandi successi: da Operaccia romantica a Pop e Rebelot , da Il Circo di Paolo Rossi e Rabelais con Rossi , a Uomo e Giù al Nord con Albanese . Ha firmato la regia di celebri show di Giorgio Panariello ( Panariello…chi?) e Fiorello ( Stasera paghi te) ; ha curato con Paola Galassi la regia de Il diluvio fa bene ai gerani , protagonista Enrico Bertolino .

Tra gli impegni televisivi, come autore, ricordiamo C'era un ragazzo con Gianni Morandi , Francamente me ne infischio con Adriano Celentano , Torno sabato e Torno sabato-La Lotteria con Panariello , Tutti gli zeri del mondo con Renato Zero , con Fiorello le due edizioni di Stasera pago io , alcune edizioni del “ David di Donatello” e “ Pavarotti and Friends” . Nell'ambito della prosa ha messo in scena tra l'altro Lotta di negro contro cane di Bernard Marie Koltès , protagonista Remo Girone, e Il borghese gentiluomo di Molière, protagonista Panariello. Ha curato l'evento-concerto di Bologna del 1999, in occasione del Congresso eucaristico, alla presenza di Papa Woytila.

SOLA ME NE VO
di Vincenzo Cerami, Riccardo Cassini, Mariangela Melato, Giampiero Solari
regia di Giampiero Solari
musiche originali, arrangiamenti e orchestrazioni Leonardo De Amicis
coreografie Luca Tommassini
impianto scenico e disegno luci Marcello Jazzetti
costumi (corpo di ballo) Francesca Schiavon
produzione Ballandi Entertainment




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.