Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

25/10/2007
Alessandria, l'ospedale potrà restare nel centro della città.

"L'ospedale di Alessandria potrà restare nel centro della città. Come avevamo annunciato qualche settimana fa nel corso di una conferenza stampa, la Lega Nord ha presentato un emendamento al piano sanitario regionale, accolto oggi dall'aula, che lascia aperte più possibilità sulla realizzazione del nuovo nosocomio alessandrino": lo annuncia il capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale Oreste Rossi. (Nella foto l'attuale nosocomio alessandrino "SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo")

"Il piano sanitario - spiega Rossi - prevedeva, per la rete ospedaliera alessandrina, la "realizzazione in altra sede di un nuovo nosocomio". La posizione della Lega Nord su questo punto è sempre stata chiarissima. Siamo favorevoli alla realizzazione di un nuovo ospedale. Se si dovesse decidere di costruirne uno nuovo fuori città, a nostro giudizio quello attuale dovrà diventare "l'ospedale di città", in modo da essere facilmente raggiungibile anche dai nostri anziani, ed evitare possibili rischi di speculazioni edilizie nell'area ove è attualmente ubicato.
L'emendamento da me presentato e approvato oggi dal Consiglio regionale prevede "la realizzazione di un altro nosocomio" cancellando la dizione "in altra sede", in modo che sia chiaro, scritto nero su bianco, che il nuovo ospedale non sostituirà quello attuale ma, al limite, si affiancherà ed integrerà con i servizi esistenti".

"Ricordo - prosegue Rossi - che, a fianco all'attuale nosocomio alessandrino, esiste un'area, che dispone di una superficie doppia rispetto a quella dell'attuale ospedale, occupata solo parzialmente da uffici dell'asl, che potrebbe diventare il sito ove costruire la nuova struttura ospedaliera, senza penalizzare i pazienti.
Infatti, solo una volta terminata la nuova struttura, si potrà valutare di sostituire il vecchio ospedale con altre strutture di servizio, come, ad esempio, hospice, centro Patria, uffici".

"Purtroppo invece - prosegue Rossi - è stato bocciato un nostro emendamento sui punti nascita. Come è noto, il piano proposto dalla giunta regionale di centro sinistra prevede che i punti nascita debbano assicurare almeno 500 parti all'anno.
Noi abbiamo chiesto che tale regola valesse solo per i punti nascita di nuova istituzione, e non per gli esistenti. La giunta lo ha bocciato.
Questo significa che verranno chiusi i punti nascita con meno di 500 parti all'anno, tra cui quello di Acqui terme con ripercussioni per puerpere e neonati, mentre si salverà, in extremis - ma non è ancora certo - quello di Novi".





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.