Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

09/06/2010
Cooperative e pulizia nelle scuole, intervento sul Ministero.

La Regione si attiverà per risolvere il problema delle cooperative sociali di tipo B che lamentano forti disagi a causa della riduzione del 25% delle spese per le forniture dei servizi di pulizia applicata dal Ministero dell’Istruzione con una circolare del dicembre 2009.

L’impegno è stato assunto dagli assessori regionali Elena Maccanti e Alberto Cirio, che il 7 giugno hanno ricevuto una delegazione di lavoratori e di rappresentanti sindacali della categoria, secondo i quali “rischiano di perdere il posto di lavoro nelle scuole piemontesi circa 2.000 soggetti svantaggiati che, se non potranno più andare a lavorare e pagare regolarmente le tasse, ricadranno sui servizi sociali e diventeranno un costo per la società”.

“Purtroppo l’applicazione di questa circolare - ha detto Maccanti - rischia di penalizzare particolarmente il Piemonte che, a differenza di altre Regioni italiane, può contare su una realtà di cooperazione sociale di tipo B molto particolare. Non dobbiamo dimenticare che, nonostante le cooperative piemontesi riescano ad assumere fino al 55% di lavoratori svantaggiati, ad oggi lavorano con contratti in proroga attuando ribassi che in alcuni casi arrivano al 36%. Tagliare un ulteriore 25% significa metterli definitivamente in ginocchio”.

“Fino a quando - ha aggiunto Cirio - l’istruzione non sarà di competenza esclusiva della Regioni sarà difficile intervenire concretamente per risolvere il problema. Quello che la Regione fin da subito si impegna a fare è attivarsi presso il Ministero proponendo uno stralcio dell’applicazione della circolare, in virtù della particolare realtà piemontese, in cui da anni si lavora con politiche attive a favore dei soggetti svantaggiati”.

“Nel frattempo - hanno concluso Cirio e Maccanti - sarà utile attivare un confronto tra tutti gli attori chiamati in causa, al fine di monitorare costantemente il problema e per individuare soluzioni condivise”.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.