Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

09/07/2010
Piemonte, Acqua buona, rifiuti in calo, ancora problemi per l’aria.

Utilizzo consapevole delle risorse e incremento nell’utilizzo di fonti rinnovabili, miglioramento dell’efficienza energetica, perfezionamento dei mezzi adibiti a trasporto pubblico e privato in termini di impatto ambientale sono solo alcune delle buone pratiche e degli interventi che la Regione intende mettere in pratica e perfezionare nei prossimi anni alla luce dei dati raccolti nella Relazione 2010 sullo stato dell’ambiente in Piemonte, presentata il 7 luglio presso il Centro Incontri della Regione a Torino dall’assessore all’Ambiente, Roberto Ravello, e dal direttore di Arpa Piemonte, Silvano Ravera.

I dati documentano una tendenza al cambiamento delle dinamiche del clima. Nonostante un inverno particolarmente rigido, il 2009 ha fatto registrare una temperatura mediamente superiore alla norma degli ultimi anni, con un avanzamento di 0,7°C, così come superiori alla media climatologica (+10%) sono state le precipitazioni piovose.

L'analisi dell’aria conferma la tendenza degli anni passati: resta critica la situazione per il biossido d’azoto, ozono e polveri sottili, valore più strettamente legato all’inquinamento, seppure quest’ultimo ha registrato un leggero decremento dei livelli di concentrazione (anche se poco significativo ai fini del raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa vigente). Situazione stabile invece per monossido di carbonio, biossido di zolfo, metalli e benzene, i cui livelli si mantengono al di sotto dei limiti previsti dalla legge.

Nel 2009 le attività di controllo delle Asl (oltre 22mila i campionamenti effettuati) hanno confermato la buona qualità dell’acqua distribuita agli utenti, tanto che il 95% circa dei campionamenti è risultato conforme ai limiti di legge. Le maggiori criticità delle acque superficiali e sotterranee riguardano invece i pesticidi, i nitrati, i metalli e i composti organici volatili.

Per quanto riguarda la difesa del suolo, si registra l'aumento dell’impermealizzazione dei terreni ad elevata produttività agricola perché molti suoli prima destinati all’agricoltura sono stati infatti convertiti ad usi residenziali, produttivi o forestali. Una questione che la Regione sta affrontando disincentivando gli interventi di nuova edificazione e favorendo invece la riqualificazione delle aree già urbanizzate, definendo soglie massime di consumo di suolo, tutelando le aree agricole e avviando progetti di recupero e bonifica dei siti inquinati.

La produzione totale di rifiuti urbani conferma il trend in leggera discesa già riscontrato nel 2008. In particolare, si segnala un aumento dei rifiuti raccolti in modo differenziato (la cui percentuale media si è attestata al 48,4%, ambito in cui si aggiudica il primato la città di Verbania che ha ottenuto anche quest’anno il primo posto nella classifica dei capoluoghi d’Italia “ricicloni”), una sostanziale stabilità dei rifiuti prodotti (508 kg/anno) ed una continua riduzione dei quantitativi avviati a smaltimento (262kg/anno).

“Tre - ha commentato l’assessore Ravello - sono i presupposti essenziali dai quali partiremo per riuscire a mettere in atto azioni efficaci e contribuire alla crescita economica del Piemonte: pensare all’ambiente non più in termini di costo ma come a qualcosa di interdisciplinare, al centro di tutte le decisioni e le politiche che hanno diretta ricaduta sui cittadini; un utilizzo e sviluppo consapevole e controllato delle risorse che l’ambiente produce; la diffusione di una cultura dell’educazione ambientale, base di tutti i comportamenti virtuosi”.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.