Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

04/08/2010
10 mln per la scuola piemontese, nelle aree montane e metropolitane.

E’ di 10 milioni di euro lo stanziamento che la Giunta regionale ha deciso nella riunione del 2 agosto a sostegno della scuola piemontese nell’ambito del Piano straordinario per l’occupazione, che prevede interventi finalizzati all’incremento dell’organico in via sussidiaria per garantire l’apertura delle scuole dei piccoli Comuni delle aree montane e metropolitane disagiate.

In dettaglio: 8,2 milioni di euro serviranno per garantire il tempo scuola, sdoppiare le classi troppo numerose e sostenere l’handicap; 800.000 euro verranno investiti su iniziative sperimentali volte, come previsto dall’art. 9 della Riforma Gelmini, al superamento dell’insuccesso scolastico dovuto a particolari situazioni di disagio; un milione sarà destinato alle cooperative sociali di tipo B operanti in ambito scolastico, a cui si aggiungeranno 500.000 euro stanziati dal Consiglio regionale con l’approvazione dell’assestamento di bilancio e 1.250.000 euro individuati nel Fondo sociale europeo.

“Questa misura non solo garantisce più scuola e più istruzione al Piemonte, ma allo stesso tempo interviene a contrastare il precariato del personale scolastico - dichiara Alberto Cirio, assessore regionale all’Istruzione - I fondi ci permetteranno di assumere tra le 300 e le 350 persone. Per quest’anno, visto il ritardo sia dell’assegnazione degli organici di fatto da parte del Ministero che dell’approvazione della legge finanziaria regionale, per ripartire le risorse non lanceremo un bando rivolto alle scuole, come pensato in un primo momento, ma stipuleremo una convenzione con l’Ufficio scolastico regionale e le organizzazioni sindacali che darà risposta alle situazioni di maggiore criticità segnalateci dagli Uffici scolastici provinciali. La priorità verrà data alla scuola primaria e in particolare nelle aree metropolitane disagiate, nei piccoli Comuni o in quelli montani. Questi ultimi li sosterremo anche con un altro milione destinato all’Uncem proprio per le scuole di montagna”.

“Queste risorse - conclude Cirio - permetteranno di risolvere buona parte delle criticità segnalateci dalle comunità locali e, sotto il profilo politico, rappresentano un primo concreto passo verso una gestione federalista e autonoma della scuola, con cui potremo in futuro affrontare in modo più adeguato le specifiche esigenze del nostro territorio”.




Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.