Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/10/2011
Prima missione di tre veicoli senza pilota per controllare il territorio.

Record europeo per il progetto di ricerca SMAT F1 (Sistema di monitoraggio avanzato del territorio per scopi civili, Fase 1): il 30 settembre, per la prima volta nel nostro continente, tre velivoli senza pilota (lo Sky-Y di Alenia Aeronautica e il Falco di Selex Galileo, decollati e atterrati dall’aeroporto di Cuneo Levaldigi, e il piccolo C-Fly della Nimbus, partito da un campo volo presso Benevagienna, tutti dotati di sensori e controllati da terra) hanno operato contemporaneamente in un’area di volo che non è un poligono militare ma, proprio in considerazione delle finalità dell’iniziativa, a partire da un aeroporto civile.

Le operazioni sono avvenute sotto il coordinamento di una stazione situata presso l’Altec di Torino,
dove era presente un numeroso pubblico di autorità politiche e civili addetti ai lavori e potenziali, futuri utilizzatori dell’innovativo sistema. Fra i partecipanti il presidente della Regione, Roberto Cota, e l’assessore allo Sviluppo economico, Massimo Giordano.

Un risultato ottenuto grazie anche al coinvolgimento di Enac ed Enav per definire e svolgere le attività necessarie a dotare l’area individuata dei requisiti di sicurezza e per ottenere il permesso a volare all’interno della stessa.

Il progetto SMAT nel suo complesso - nato nell’ambito del Comitato Distretto Aerospaziale Piemonte e cofinanziato dalla Regione Piemonte attraverso il fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) - è stato sviluppato da un gruppo di lavoro coordinato da Alenia Aeronautica, costituitosi in associazione temporanea di scopo e formato da grandi aziende (Alenia Aeronautica, Selex Galileo e Altec), istituti di ricerca (Politecnico di Torino, Università di Torino e Istituto Superiore Mario Boella) e ben undici piccole e medie imprese piemontesi (Auconel, Axis, Blue Engineering, Carcerano, DigiSky, Envisens, Nautilus, Nimbus, Sepa, Synarea, SPAIC). L’obiettivo è quello di sperimentare un sistema di sorveglianza - a supporto delle fasi di prevenzione e di controllo di una vasta gamma di eventi quali, ad esempio, alluvioni, incendi, frane, traffico, urbanistica, inquinamento e coltivazioni - che opererà in modo integrato con le autorità preposte alla gestione di tali eventi, a livello istituzionale o commerciale, e sarà in grado di fornire informazioni puntuali e aggiornate in tempo reale.

“Un evento - ha dichiarato il presidente Cota - che dimostra la competitività del sistema industriale, scientifico e tecnologico del settore aerospaziale radicato in Piemonte da oltre 100 anni. Si tratta di un patrimonio che la Regione, attraverso il proprio intervento diretto e l’utilizzo delle risorse europee per attivare gli investimenti dei gruppi industriali, intende tutelare e sviluppare per il futuro dell’economia e del lavoro del Piemonte”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.