Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

20/12/2011
Ridurre le Province da otto a quattro.

L’iniziativa dell’Uppi (Unione delle Province del Piemonte) di ridurre da otto a quattro il numero delle Province in Piemonte - Torino con la sua area metropolitana, Cuneo, il centro con Asti e Alessandria, il nord con Vercelli, Biella, Novara e Verbania - accoglie il plauso del presidente Roberto Cota, secondo il quale “la si può considerare un progetto congiunto con la Regione”.

“Per le sue caratteristiche - ha detto Cota intervenendo alla presentazione della proposta, che i presidenti degli otto enti hanno effettuato il 16 dicembre nella sede della Provincia di Torino - il Piemonte, che ha un territorio vasto e diversificato, 1.206 Comuni e una grande città, non può restare senza Province. Vuol dire non garantire i servizi ai cittadini. E la Regione non può accollarsi tutte le competenze delle Province: non ce la può fare e per quel che mi riguarda non lo vuole fare, perché vorrebbe dire un neo-centralismo assolutamente paralizzante”.

Cota e Antonio Saitta, presidente della Provincia di Torino e vicepresidente nazionale dell’Upi (Unione Province italiane) hanno poi messo l’accento sul fatto che si tratta di una vera e propria autoriforma - “la prima di cui si sia mai sentito parlare” - partita da quelle stesse Province che verrebbero cancellate. “Basti pensare - ha sottolineato Cota - che a illustrare il progetto è stato Massimo Nobili, presidente della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola e dell’Unione Province del Piemonte, la cui poltrona sarebbe la prima a scomparire”.

"Chiederemo all'Unione nazionale - ha annunciato Nobili - di presentare la nostra proposta a Governo e Parlamento. E ci piacerebbe che l'idea venisse allargata a tutto il territorio nazionale. Si può passare da 110 Province a meno della metà. E magari estendere questo sacrificio anche alle Regioni a statuto speciale".

Martedì scorso il presidente Cota aveva annunciato che la Giunta regionale farà ricorso alla Corte Costituzionale contro l’articolo 23 della manovra del Governo non appena essa verrà approvata dal Parlamento, in quanto “la cancellazione di fatto delle Province viola una norma della Costituzione, che non può essere cambiata per mezzo di un decreto legge. E c’è anche una violazione delle competenze delle Regioni per quanto riguarda le loro funzioni di coordinamento”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.