Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

28/12/2011
Riforma sanitaria: positiva intesa per il bene del Piemonte.

Il nuovo piano socio-sanitario del Piemonte sarà approvato entro un paio di mesi e sul suo contenuto possono essere raggiunte larghe intese tra maggioranza ed opposizione basate sul concetto delle reti ospedaliere, presupposto fondamentale per salvare il sistema piemontese.

Dopo che durante le riunioni della Commissione Sanità del Consiglio regionale è stata sancita definitivamente la volontà di lavorare ad una riforma il più possibile condivisa, il presidente Roberto Cota e l’assessore Paolo Monferino hanno deciso di “andare a vedere le carte”.

“Siamo disposti al dialogo e ad entrare nel merito - ha detto Cota - Ci prendiamo un po’ di tempo, ma non troppo perché è in gioco la salvezza del Piemonte. Dopo le consultazioni sul territorio, la discussione nella Commissione e dopo avere sentito il parere delle varie organizzazioni, anche sindacali, abbiamo scoperto che sulla stragrande maggioranza dei punti della riforma non c’è contrarietà. L’apertura verso l’opposizione è motivata dalla consapevolezza che ci fossero davvero molti elementi condivisi”.

Cota non deroga infatti ad alcuni capisaldi: “La rete ospedaliera rimane il presupposto fondamentale, perché toglie duplicazioni, sprechi e costruisce un sistema integrato e più moderno. Così come la centralizzazione delle funzioni di supporto, altro elemento centrale che vogliamo mettere in atto. Per il resto, crediamo sia importante lavorare per il bene dei piemontesi, al di là di sterili contrapposizioni. Il confronto tra forze politiche dovrà portare ad un’intesa finalizzata a fare quel salto di qualità necessario per il nostro territorio”.

Scendendo più nel dettaglio, l’assessore Monferino sottolinea che “rimane imprescindibile la messa in rete e l’integrazione degli ospedali così come la loro gerarchizzazione per funzioni: elementi prioritari per razionalizzare il sistema sanitario liberando risorse economiche importanti. E’ inoltre indispensabile poter mettere tutte le attività di supporto (acquisti, logistica, sistemi, ecc) a fattore comune su dimensioni aziendali più vaste di quelle delle attuali aziende sanitarie territoriali. Nelle varie riunioni di Commissione l’opposizione, su tali argomenti, ha mostrato segnali di apertura e di condivisione, facendo emergere perplessità invece sul tema della separazione tra ospedale e territorio. Gradualmente è maturata quindi l’idea di lavorare sulle cose che accomunano abbandonando ciò che poteva dividere”.

Per la proposta di architettura del sistema sanitario che l’assessorato si è impegnato a predisporre sono al vaglio due ipotesi: portare all’interno delle sei reti ospedaliere anche le attività territoriali delle stesse aree geografiche; creare una sorta di holding che raccolga 2-3 o più aziende sanitarie territoriali ed ospedaliere in grado di organizzare tutti i servizi e le funzioni di supporto, includendo tra queste anche la programmazione sanitaria sia per la parte ospedaliera che per quella territoriale. Tale funzione avrebbe lo scopo di definire proprio la programmazione di tutti gli ospedali appartenenti alle aziende sanitarie subordinate a tali holding.

“Entrambe le soluzioni - sostiene Monferino - rispondono agli obiettivi voluti dall’assessorato, eliminando al contempo le perplessità sulla separazione tra ospedali e territorio. Le forze politiche piemontesi di maggioranza ed opposizione hanno dimostrato davanti ad un tema di grande rilevanza per i cittadini piemontesi una grande maturità politica. Ciascuna forza, infatti, ha avuto il coraggio di fare qualche passo in direzione dell’altra per il bene comune. La maggioranza ha abbandonato la tempistica inizialmente prevista, mentre l’opposizione ha garantito l’impegno di lavorare velocemente e ad un disegno alternativo condividendo e appoggiando i capisaldi da cui prende spunto tale la riforma”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.