Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

26/04/2012
Progetti strategici ed innovativi per il Piemonte digitale.

I due milioni di euro che la Regione ha stanziato da febbraio ad oggi per realizzare progetti di innovazione delle imprese piemontesi nel settore della banda larga per superare il digital divide sono andate letteralmente a ruba.

Il bando WISP (Wireless Internet Service Provider), la misura prevista dal Piano strategico regionale per il comparto dell’ICT per favorire la diffusione e un miglior utilizzo della rete aveva come beneficiari i provider appunto che forniscono le strutture e i servizi di banda larga senza fili, ma con ricadute generali sul territorio in termini di competitività, promozione di nuova imprenditorialità tecnologica e non, di accesso alla rete per i cittadini.

“I 17 progetti già presentati - dice Massimo Giordano, assessore regionale allo Sviluppo economico e all’Innovazione - hanno elementi fortemente innovativi come, per esempio, l’attenzione al risparmio energetico. Il contributo pubblico, unito al cofinanziamento privato stimato in ulteriori 2 milioni, consentirà da un lato di adeguare le reti dei WISP alle esigenze del territorio e, dall’altro, di accrescere l’utilizzo e l’efficienza delle infrastrutture WI-PIE e dei nodi nei capoluoghi di provincia, già messi a disposizione degli operatori privati tramite il consorzio Top-ix”.

L’iniziativa, che si inserisce nell’attività che da tempo la Regione porta avanti per la costruzione di una sorta di territorio digitale, è cofinanziata dal Fondo europeo di sviluppo regionale nell’ambito del titolo dedicato alla competitività e all’occupazione.

“La misura regionale risulta in questo senso strategica - continua Giordano - perché va a sostenere direttamente l’introduzione di innovazione nel settore attraverso nuovi servizi e nuove soluzioni. Per questo bando inoltre abbiamo avuto un occhio di riguardo per la semplificazione burocratica: i progetti che sono stati esaminati in tempo reale, grazie anche a processi di dematerializzazione dei documenti e all’uso di strumenti informatici come la posta elettronica certificata. Le attività sono pronte a partire, i primi risultati sul territorio sono attesi per i primi mesi del 2013, mentre il totale dei progetti si concluderà nei prossimi 18-24 mesi”.

L’agevolazione è costituita da un contributo a fondo perduto, la cui intensità varia da un minimo del 40% fino a un massimo del 90% dei costi ammissibili, per un importo massimo pari a 135mila euro.







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.