Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

24/07/2012
Tav, via dalla Valsusa i turisti della violenza.

Nell'esprimere piena solidarietà alle forze dell'ordine nuovamente impegnate a contrastare la violenza dei No-Tav al cantiere di Chiomonte, il presidente della Regione, Roberto Cota, ha usato parole dure contro i manifestanti: “La Torino-Lione è un pretesto per criminali che vogliono strumentalizzare questa situazione andando in Valsusa per motivi che non hanno nulla a che fare con la linea. Una situazione che bisogna smascherare".

Ecco allora la proposta: "Bisogna mandare via i 'turisti della violenza', persone che nulla hanno a che fare con chi può avere un'opinione diversa sulla realizzazione dell'opera. Si tratta di gente che non ha affatto a cuore il futuro della valle, visto che vi porta solo danni e violenza. Chiedo innanzitutto il rispetto della legge. Se ci sono persone che 'campeggiano' in zone non adibite al campeggio, ebbene queste devono essere allontanate subito. Dobbiamo proteggere la valle dall'azione di questi sciagurati. Si tratta di luoghi bellissimi che hanno subito un gravissimo danno di immagine a causa di questa gente. Adesso basta. Mandiamoli via".

Sulla vicenda è intervenuta anche l’assessore Claudia Porchietto: "Ormai in Valsusa si vive una situazione intollerabile per qualsiasi Stato democratico. La protesta è accettabile solo laddove non sfocia in violenza gratuita. E il ferimento del capo della Digos e di altri agenti dimostra che ormai abbia superato il limite del democraticamente accettabile. Questa situazione di tensione, alimentata ad arte da professionisti della violenza e della guerriglia urbana, sta creando danni irreparabili e incalcolabili al tessuto turistico e al sistema produttivo della zona. Quando immagini di violenza quali quelle di ieri sera fanno il giro del mondo, si deve essere mettere in conto che si condanna un’intera vallata all’isolamento internazionale con tutti gli effetti negativi che ciò produce in termini economici e lavorativi. Altro che salvare la Valsusa, qui la si sta uccidendo”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.