Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

19/11/2012
Smog, ulteriore proroga sugli sforamenti.

La Regione chiederà un’ulteriore proroga per Torino e Novara sugli sforamenti di biossido di azoto. L’annuncio è arrivato durante la riunione del Tavolo regionale sulla qualità dell’aria del 14 novembre, alla quale hanno partecipato gli assessori all’Ambiente della Regione, Roberto Ravello, delle Province e dei Comuni di Novara e Torino.

Primo punto all’ordine del giorno proprio l’informativa sulla decisione della Commissione Europea con cui non è stata concessa la proroga sullo sforamento dei limiti di concentrazione di biossido di azoto per l’agglomerato urbano di Torino e per la città di Novara. La Regione ha tempo fino a fine anno per trasmettere al ministero dell’Ambiente la richiesta di un’ulteriore proroga da avanzare in sede europea, corredata da un documento in cui siano indicate le azioni per il contenimento delle emissioni messe in atto nelle zone interessate. “La Regione ha deciso di chiedere al ministero di attivarsi con la Commissione per un ulteriore esame delle due situazioni critiche riguardanti il territorio piemontese - ha dichiarato Ravello - La Provincia ed il Comune di Novara hanno tempestivamente presentato il proprio piano ed abbiamo chiesto al Comune di Torino di attivarsi sul piano tecnico per fare altrettanto, in modo da consentirci di integrare il documento che gli uffici regionali stanno predisponendo e di inoltrarlo al ministero entro i termini previsti”.

La discussione ha poi riguardato l’utilizzo dei fondi messi a disposizione dal ministero per l’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale per il trasporto pubblico locale: “Con l’assessorato ai Trasporti - ha precisato Ravello - stiamo valutando come utilizzare i 10 milioni di euro a disposizione, più ulteriori tre o quattro milioni che dovrebbero essere assegnati al Piemonte. L’orientamento è quello di indirizzarli su programmi specifici rivolti soprattutto alle aree che presentano maggiori difficoltà, Torino e Novara su tutte. La priorità è proseguire nell’opera di ammodernamento del parco veicoli attraverso il completamento dell’iniziativa di retrofittatura dei mezzi Euro 2, Euro 3 ed Euro 4. A tal fine la Regione, a fronte delle risorse messe a disposizione, ha espresso la propria disponibilità a contribuire nella misura del 65 per cento del costo”.

Esaminati anche i risultati della sperimentazione sull’efficacia degli inibitori delle polveri sul manto stradale (sistema Biofix) svolta da Arpa a Novara e Vercelli. L’assessore l’ha definita “un’azione pilota che ha permesso l’acquisizione di elementi utili per l’attivazione di una nuova fase su scala più ampia. Si partirà subito con Vercelli, non appena si verificheranno condizioni di maggior criticità, e si proverà ad individuare copertura finanziaria per una nuova sperimentazione nel contesto novarese”.

E’ stato poi evidenziato come si sia registrato un trend positivo nel confronto tra i livelli emissivi di polveri sottili e biossido di azoto nel periodo 2003-2011, dal quale si evince l’effetto positivo delle azioni messe in campo in Piemonte e la stringente influenza sulle emissioni delle condizioni meteoclimatiche, in rapporto al livello e alla concentrazione delle precipitazioni (ad esempio l’anno 2010 evidenzia valori decisamente inferiori di livelli emissivi, in concomitanza con precipitazioni superiori alla media del 25%). Alle Province è stato proposto di predisporre un documento dove siano indicate quante e quali delle misure previste dal Piano regionale siano state inserite nei Piani provinciali e quante e quali di queste siano poi state effettivamente attivate.

Ravello ha chiuso la riunione dichiarando che “nell’incontro della prossima settimana con il ministro Clini rinnoveremo le richieste delle Regioni del bacino padano in merito alla predisposizione di un Piano nazionale che garantisca il necessario coordinamento tra le politiche da mettere in campo, evitando inutili azioni a macchia di leopardo”.






Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.