Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

03/03/2015
Finalmente c’è chiarezza nei conti della sanità.

Come promesso, la Giunta Chiamparino ha rispettato la tabella di marcia che si era data fin dall'insediamento otto mesi fa per rimettere ordine e fare chiarezza sui conti della sanità piemontese: durante la riunione del 2 marzo è stata conclusa l’approvazione dei bilanci consuntivi 2013 delle aziende sanitarie ed è stato dato ai direttori generali l'obbligo di approvare i consuntivi 2014 entro aprile, ovvero prima della loro scadenza dall'incarico.

"Dopo una lunga traversata con il mare in tempesta - ha commentato l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta - la sanità piemontese approda infine in un porto sicuro. Possiamo dire che da oggi, dopo anni di giuste e ripetute contestazione da parte della Corte dei Conti e dei Ministeri dell’Economia e della Salute, il Piemonte rispetta le regole fondamentali della contabilità pubblica. L'operazione è frutto di un lavoro molto complesso, perché la Giunta non si è limitata a dare il via libera ai bilanci, ma attraverso gli uffici ha compiuto, con il supporto dell’Agenas e dell’advisor Kpmg, una puntuale e precisa verifica dei numeri. La nostra azione di governo ha impresso una forte accelerazione ad una situazione che languiva da anni e ci ha messo nelle condizioni di poter chiedere l'uscita dal piano di rientro fra fine giugno e inizio luglio".

Saitta ha sottolineato che il risultato economico del 2012 si è chiuso con un disavanzo di 126 milioni e quello del 2013 con un deficit di 38 milioni, pareggiati rispettivamente con 130 e 50 milioni, ovvero con somme più elevate, perché si doveva colmare ancora l’ammanco del 2011. Ma il 2014, ha chiarito l'assessore, "fa prevedere con ragionevole certezza un risultato di gestione positivo, con la prospettiva di riportare il Piemonte fra le Regioni del centro-nord. Il contenimento del disavanzo è legato soprattutto a due fattori: una forte riduzione del costo per il personale ed una altrettanto decisa diminuzione delle prestazioni offerte dai privati, ai quali va aggiunto il risparmio ottenuto centralizzando gli appalti.

"Questa situazione - ha rimarcato - permetterà di fare 600 nuove assunzioni appena il Tavolo Massicci darà il via libera. E non dover più pareggiare buchi sottraendo risorse agli investimenti, che erano stati bloccati, permetterà di liberare fondi da destinare alla tecnologia". Sulla base del preconsuntivo del quarto trimestre 2014, l'assessorato è già in grado di prevedere con sufficiente certezza che l’esercizio si concluderà con un risultato di gestione positivo in quantità sufficiente per finanziare quest’anno il costo dell’aumento di personale sanitario.

"Il 2015 può essere l’anno del cambiamento per migliorare la sanità piemontese guardando al futuro - ha concluso Saitta - E’ a portata di mano la ripresa dell’attività dopo anni di decrescita che hanno aumentato le liste di attesa e la quantità dei piemontesi che hanno scelto di andare farsi curare fuori regione. Le indicazioni sulla riorganizzazione della rete ospedaliera sono suffragate da dati scientifici: senza chiudere ospedali e senza ridurre servizi all'utenza, garantiremo più sicurezza ai cittadini e costruiremo contemporaneamente un sistema di assistenza territoriale con la stessa autorevolezza degli ospedali".







Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.