Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

17/06/2015
Priorità assoluta al potenziamento dei pronto soccorso.

Il rapporto con gli operatori della sanità privata, le emergenze nei pronto soccorso nel periodo estivo, la necessità di controlli nelle strutture di ricovero e case di cura accreditate che soprattutto in estate accolgono gli anziani, i dati sul personale e la visione strategica del prossimo futuro sono stati i temi affrontati durante il confronto che l'assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta, con il direttore Fulvio Moirano, ha avuto con i direttori generali delle aziende sanitarie ed ospedaliere e con i rispettivi direttori sanitari ed amministrativi.

Indispensabile per Saitta dare priorità assoluta alla gestione dei picchi nei pronto soccorso, in particolare a Torino: "In realtà siamo già in sofferenza perché il problema è cronico e strutturale; i direttori lo hanno confermato, segnalando la grande professionalità dei loro operatori, e allo stesso tempo l'arrivo non solo dei famigerati codici bianchi, quanto di pazienti davvero critici che poi hanno bisogno di ricovero e quindi di reparti dove non ci sia il tappo costituito da chi non si riesce a dimettere. In tempi medi l'attuazione della rete di assistenza territoriale fornirà le risposte necessarie, ma poiché il vero problema sta nelle dimissioni, dobbiamo coinvolgere i gestori dei posti di continuità assistenziale nel riaccompagnamento a casa dei pazienti in attesa di aumentare i posti nelle residenze sanitarie”.

Saitta ha poi chiesto a tutti "di prestare particolare attenzione a quanto avviene nelle strutture private accreditate che ospitano pazienti anziani, visti i problemi che si sono registrati anche nel recente passato: le commissioni di vigilanza delle Asl devono essere puntuali e costanti nel controllo di queste prestazioni, e per i rispettivi componenti si devono osservare le stesse norme di rotazione che la Regione applica ai propri dirigenti impegnati in ruoli chiave”.

L'incontro è stata anche l'occasione per fare il punto sull'attuazione della delibera che ha consentito di sbloccare il turn over del personale. "L'aumento del tetto di spesa di 28 milioni ci ha consentito di dare il via a 600 assunzioni - ha detto Saitta - So che state tutti procedendo in questa direzione. Qualcuno polemizza perché sarebbero insufficienti, ma voglio precisare che dal gennaio 2012 a oggi il servizio sanitario regionale ha perso un totale di 1983 unità, di cui solo 273 erano infermieri e solo 35 erano operatori socio-sanitari. Confermo l'impostazione della delibera che tiene conto per la prima volta di parametri precisi sulla produttività degli ospedali e ripeto che manca ancora un ripensamento complessivo dell'organizzazione, per il quale serve più tempo. Le richieste eccessive pervenute dai vostri predecessori erano frutto di un quadro stratificato in anni passati, senza un reale riscontro sulle necessità concrete in base alla produzione effettiva nei reparti, che mi aspetto invece da voi".

Sul rapporto con i privati, è stato annunciato che le trattative per arrivare all'assegnazione del budget proseguono, ma che l'obiettivo primario resta riconvertire alcune attività sulla reale esigenza della sanità piemontese, e quindi la rimodulazione di parte delle acuzie in post acuzie a vantaggio dell'assistenza territoriale. E a questo proposito i direttori sono stati invitati a tenersi pronti anche all'eventualità di dover aumentare da luglio l'attività ospedaliera e specialistica qualora si dovesse verificare una rottura del rapporto con alcuni privati sulle acuzie".








Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.