Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

09/09/2015
Sfida al monopolio sui prezzi dei test per il diabete.

Dal 1° ottobre la Regione pagherà di meno i test per il diabete pur continuando a fornire ai pazienti i prodotti migliori presenti sul mercato.

Come ha annunciato l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta, con una delibera approvata durante la seduta di Giunta del 7 settembre “si avvierà la sperimentazione di una scelta innovativa, che porterà risparmi considerevoli senza minimamente intaccare la qualità delle prestazioni e che abbiamo lungamente esaminato ed anche condiviso con le associazioni che rappresentano i pazienti affetti da diabete in Piemonte. Intendiamo lanciare un segnale di livello nazionale: è possibile in Italia rompere il monopolio delle case farmaceutiche che distribuiscono milioni e milioni di pezzi ogni anno ed aprire finalmente alla concorrenza? Noi in Piemonte pensiamo di sì e proviamo a dimostrarlo. La Regione acquisterà direttamente i prodotti utilizzando solo per il momento il prezzo indicato dalla Consip e notevolmente meno caro dell’attuale; intanto, ci attrezziamo per una procedura sperimentale che offra in breve a tutti i pazienti ogni tipo di prodotto e mi auguro ad un prezzo calibrato”.

Sarà una novità graduale, che avverrà in due fasi. “Dal 1° ottobre - ha puntualizzato Saitta - ai nuovi pazienti che cominceranno la misurazione dell’insulina verrà consegnato in farmacia un solo tipo di glucometro, di ultima generazione e al top della gamma, con relative strisce e lancette pungidito, mentre per gli altri si tratterà di un cambiamento graduale che non riguarderà né i bambini né chi fa uso degli infusori. Chiunque abbia esigenze particolari certificate dal suo diabetologo potrà continuare ad usare il misuratore cui è abituato e nessuno pagherà un euro in più”.
In Piemonte i pazienti affetti da diabete sono attualmente 280mila, e di questi circa 112mila si sottopongono al controllo glicemico e fanno uso di presìdi con una spesa complessiva per il sistema sanitario di circa 25 milioni di euro. Ogni paziente diabetico in Piemonte, infatti, consuma in media 35 strisce per il controllo glicemico e 21 lancette pungidito al mese. Oggi le aziende sanitarie rimborsano 0,46 euro per ogni striscia (di cui 0.36 per il prodotto e 0,10 per la distribuzione) e 0,14 euro per ogni lancetta pungidito. Pertanto, ogni anno le strisce costa 21.638.400 euro e gli aghi 28.124.000 euro. Con la nuova modalità, utilizzando per il momento le cifre della gara Consip la Regione rimborserà 0,20 euro per ogni striscia e 0,105 per ogni ago con un risparmio di 7.714.000 euro, ovvero del 30%.

“In attesa. e preciso che sono contrario alle gare al massimo ribasso, di realizzare nel più breve tempo possibile una procedura in grado di garantire a costi sostenibili l’offerta ai pazienti diabetici dell’intera gamma dei prodotti per il monitoraggio dell’insulina oggi disponibili in commercio – ha proseguito l’assessore - acquisteremo direttamente i prodotti che verranno distribuiti in farmacia attestandoci sulle risultanze della gara vinta da Sanofi che per la prima volta ha spezzato un equilibrio nei prezzi. Non posso non tenere conto che oggi la Regione riconosce alla farmacie convenzionate le strisce e gli aghi ad un prezzo molto maggiore rispetto alla gara Consip: intanto gli uffici sono già al lavoro per definire, su proposta della Commissione diabetologica regionale, le eventuali specifiche esigenze di monitoraggio della glicemia che non possono essere realizzate con i presìdi oggetto di questa sperimentazione. La concessione di strisce e lancette pungidito diversi da quelli Sanofi previsti da Consip sarà possibile ed avverrà a seguito di opportune verifica da parte delle Asl competenti. In quei casi e nell’ipotesi in cui la Regione non fosse in grado di garantire tutto il fabbisogno, verrà riconosciuto alla farmacie convenzionate ed agli esercizi autorizzati il prezzo attuale”.

“Sono convinto, ed anche il presidente Chiamparino concorda - ha concluso l’assessore - che questa scelta apra una nuova strada a livello nazionale, e di certo aprirà finalmente un dibattito sulla concorrenza. Nel nostro Paese ci sono spazi enormi per ridurre la spesa farmaceutica intaccando un po’ il monopolio di alcune lobby, non penalizzando i pazienti”.





Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.