Prima pagina | Invio comunicati/articoli | pubblicità nel portale Seguici su Facebook
Aggiungi ai preferiti
Le notizie
Tutte le news Sport
Cronaca Salute
Politica Scienza
Eventi Viabilità
Consumatori
.
Sport
VOLsport Valenzana
Formula 1 2015 /
.
Archivi notizie
2016 2015
2014 2013
2012 2011
2010 2009
2008 2007
Città di Valenza
La giunta Il comune
Uffici comunali Infrastrutture
Numeri utili Mangiare e dormire
Nella storia I Monumenti
Curiosità Album foto
Valenza su Youtube

Valenza gioielli
Valenza, la città degli orafi (1960)
Inaugurazione scuole (1940)
Valenza, gli eredi (1963)
Valenza racconta..
Valenza, Villa Pastore
Valenza su Facebook
Valenza la città Sei di Valenza se
Vigili del fuoco Avis Valenza
Cuore di zampa Valenza eventi
Valenza teatro /
Le ultime da Valenza ...
Valenza e Casale per i PPU
Nasceranno gli orti urbani.
Ex orafi denunciati per ricettazione.
Oro in tv senza dichiarare niente.
Nuovi limiti di velocità sulle strade.
Tentano furto in oreficeria, arrestati.
Ruba 1500 euro all' ex fidanzata.
Rapina a mano armata in centro.
L'acqua a 5 centesimi.
Un numero per le visite ed esami.
Il bilancio sulle nostre strade.
Comunicato AMV per i cassonetti
Sportello Unico Socio Sanitario.
Nuovo ambulatorio di Allergologia
Parte il riciclaggio dei rifiuti organici
Leggi la posta
Login Password
Hai dimenticato i tuoi dati?
Vuoi attivare TUONOME@valenza.it ?
contatta il centro servizi

26/10/2015
Grande successo per l'edizione dell'autunno di "Io Lavoro".

L'edizione autunno 2015 di IoLavoro si è chiusa con indubbio successo: 10.000 partecipanti, tra persone in cerca d’impiego, studenti, competitor, expert e tutor di WorldSkills, personale delle aziende e dei servizi per il lavoro pubblici e privati; migliaia di colloqui di lavoro, un centinaio di incontri e workshop su tematiche del lavoro e della formazione; 90 tra aziende, agenzie per il lavoro, agenzie formative. E’ stata una intensa tre giorni dedicata all’orientamento al lavoro che ha visto fianco a fianco istituzioni, imprese, agenzie formative e mondo della scuola con l’obiettivo unico di offrire tante e diverse opportunità d’impiego e di indirizzo.

IoLavoro ha ospitato anche WorldSkills Piemonte, i campionati dei mestieri ai quali hanno partecipato 96 ragazzi suddivisi in 11 specialità. I vincitori

“Il dato dei partecipanti - ha dichiarato Gianna Pentenero, assessore regionale all'Istruzione, Lavoro e Formazione - conferma l’interesse che ruota attorno alla manifestazione, che è diventata di edizione in edizione un riferimento nazionale importante. Inoltre il tema dei WorldSkills ha permesso di mettere in campo con il campionato dei mestieri le competenze professionali, coinvolgendo ragazzi che hanno dimostrato il valore della formazione di qualità per la creazione di competenze in settori artigianali e nel lavoro manuale”.

Tra le numerose iniziative organizzate, la Regione Piemonte ha assegnato il premio IoLavoro-H a IBM Italia, che si è distinta per le buone pratiche adottate per l'inserimento lavorativo di persone con disabilità. Al via, inoltre, l’iniziativa sperimentale per l'inclusione sociale e all'occupabilità dei giovani che non studiano né lavorano attraverso la pratica sportiva.

E' stato anche firmato un accordo fra sette scuole tecniche superiori del Piemonte per la condivisione di esperienze e modelli di gestione dell'avviamento al lavoro: IIS Natta di Rivoli, IIS G. Baruffi di Ceva, IIS Castigliano di Asti, ITIS Omar di Novara, IIS Vaglio di Biella. Ipssar Zegna di Trivero, IIS Zerboni di Torino. In media, circa il 60 % dei diplomati provenienti da questi istituti è riuscito ad essere collocato in aziende grazie al servizio di inserimento al lavoro offerto dalla propria scuola. “Un accordo che si traduce in una misura concreta - ha commentato Pentenero - per favorire l’occupazione giovanile e far calare il tasso di disoccupazione dei ragazzi tra i 15 e i 20 anni. Le scuole sono i luoghi ideali per mettere in relazione i giovani studenti con il mondo del lavoro e il fatto di aprire degli sportelli all’interno degli edifici scolastici significa anzitutto raggiungere un altissimo numero di ragazzi. Il vantaggio sta inoltre nel fatto che gli studenti verrebbero indirizzati all’ambiente lavorativo durante, e non dopo il loro percorso di studi, ottimizzando i tempi di inserimento ed evitando periodi di inattività”.

L'incontro “Apprendistato e alternanza. Un patto per rimettere insieme lavoro, istruzione e formazione” ha permesso di far sapere che tra il 2012 e il 2015 il Piemonte ha avviato al mondo del lavoro 887 apprendisti di 1° livello (per l'ottenimento di una qualifica o diploma professionale), 55.182 di 2° livello (formazione in azienda in una logica di integrazione tra impresa e formazione) e 453 apprendisti di 3° livello (alta formazione e ricerca).
Di questi ultimi, il 100% é stato confermato e l'89% ha conseguito un titolo di studio. L'offerta formativa che la Regione Piemonte renderà disponibile entro il 2020 di avviare circa 2mila apprendistati per il conseguimento della qualifica o diploma professionale e diploma di scuola media superiore, 40mila apprendistati professionalizzanti. 2mila apprendistati per il conseguimento di lauree-master e dottorati di ricerca. Nel suop intervento l'assessore Pentenero si è detta convinta che “oltre 56mila apprendisti inseriti nel mondo del lavoro fino ad oggi ed altri 44mila che sanno avviati entro il 2020 è la dimostrazione che il Piemonte, in fatto di alternanza scuola-lavoro e apprendistato può vantare enormi risultati.

Le leggi sul Jobs Act possano rappresentare un aiuto alle politiche già attivate e garantire continuità e valorizzazione alle esperienze già maturate e condivise. Abbiamo ora bisogno di uno sguardo cooperativo in grado di creare una governance chiara, sta per questo maturando l’ipotesi di creare un manifesto, una carta regionale sulla quale lavorare, magari condivisa anche dai Ministeri competenti”.








Valenza on line© 2000-2016 |. Segnala eventi/articoli.| Prendi le notizie | Pubblicità nel portale
Il sito non é da considerarsi una testata giornalistica, pertanto non viene considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Le notizie pubblicate provengono da comunicati stampa fornite da agenzie e comuni sparsi nel territorio.